Comunicati.net - Comunicati pubblicati Comunicati.net - Comunicati pubblicati Sun, 22 Sep 2019 14:08:00 +0200 Zend_Feed_Writer 1.12.20 (http://framework.zend.com) http://www.comunicati.net Fotografia ieri e oggi Sun, 22 Sep 2019 12:43:04 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/598585.html http://www.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/598585.html Romaweblab Romaweblab Riuscire a scattare una bella fotografia dà soddisfazione e lo è ancora di più quando la riguardiamo insieme con i nostri amici ed insieme la commentiamo.

 

Chi nel passato come Professionista Fotografo di Matrimonio a Roma ha utilizzato fotocamere, cosiddette analogiche, sa che bisognava prendere degli appunti su un blocchetto per ricordare con precisione quali fossero i corretti parametri di ripresa: tempi, diaframma e Iso (all’epoca Asa) per poi poterli confrontare con la stampa.

Con le fotocamere digitali tutto ciò non occorre più: non è necessario prendere nota delle informazioni che sono di per sé contenute nei file digitali, ed il risultato si può vedere subito. Per questo motivo nel digitale, la percentuale di scatti sbagliati si è ridotta davvero di molto con una qualità anche superiore rispetto al passato.

Dunque se si ha voglia di sperimentare e creare immagini di impatto si può farlo con più semplicità rispetto al passato, per non parlare poi di quanto sia possibile fare in postproduzione per le correzioni o ritocchi.: davvero miracoli!

Programmi come Photoshop e Lightroom (solo per citarne alcuni) hanno davvero cambiato la vita di noi fotografi che prima invece era dedicata alla camera oscura dove con sapiente maestria nasceva la stampa delle immagini provenienti dai rullini fotografici.

Una famosa stampa è quella ai Sali d’argento che è un processo di stampa che utilizza carta a tre strati in camera oscura con ingranditore e luce elettrica. Il Foglio di carta è trattato con barita ed emulsione di gelatina con bromuro d’argento.

Ancora oggi ci sono molti professionisti e appassionati di fotografia che si occupano della stampa in camera oscura, partendo dai rullini classici, quelli a pellicola.

Fotografare non è molto complicato, altro discorso però è poter realizzare un’immagine che possa comunicare, che sia fruibile. La fotografia è dunque una pratica filosofica non solo tecnica. Oggi come ieri.

Saper fare una buona foto dipende da quanto siamo in grado di controllare i parametri di ripresa e riuscire ad impostare le regolazioni della fotocamera ed esserne padroni. Ma non è tutto. Dobbiamo quindi assimilare dei concetti che ci permettano di saper gestire le situazioni fotografiche che mano a mano si presenteranno, facendolo con l’occhio del fotografo Matrimoni Roma. Fotografare vuol dire sapere guardare il Mondo che ci circonda e comunicare.

Una delle citazioni più calzanti a riguardo è quella del grande fotografo Henri Cartier-Bresson in “Vedere è tutto”:

Fotografare è trattenere il respiro, quando le nostre facoltà convergono per captare la realtà fugace; a questo punto l’immagine catturata diviene una grande gioia fisica e intellettuale. Fotografare è riconoscere con lo sguardo nello stesso istante e in una frazione di secondo un evento e il rigoroso assetto delle forme percepite, che esprimono e significano tale evento. È porre sulla stessa linea di mira la mente, gli occhi e il cuore. È un modo di vivere.”

Quando saremo padroni della tecnica, allora potremo dimenticarci di essa e dare spazio alla nostra creatività, al nostro linguaggio, alla nostra filosofia fotografica.

Buona luce a tutti.

Attilio Di Filippo | Fotografo Di Matrimoni a Roma

]]>
Infedeltà 2.0 al giorno d'oggi Sun, 22 Sep 2019 12:12:26 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/aziende/informatica/varie/598584.html http://www.comunicati.net/comunicati/aziende/informatica/varie/598584.html Romaweblab Romaweblab Con l'avvento dei Social Network si moltiplicano i casi di tradimenti on line e non,Facebook,Instagram,Chat di incontri non facilitano certo una relazione monogama alla base della quale ci dovrebbe essere il rispetto per l'altra persona o coniuge. Oggi giorno tradire o essere traditi sembra quasi essere la norma, le statistiche indicano che con l'avvento dei Social Network sono aumentate a livello esponenziale le separazioni e spesso a farne le spese sono, sfortunatamente, gli eventuali figli che devono subire la fine di un amore da parte dei genitori. Ma spesso i tradimenti non vengono mai scoperti, lo subiscono quasi tutti ma c'è chi riesce a scoprirlo e chi no. A chi affidarsi a questo punto se si hanno dubbi sul proprio rapporto coniugale o se si vuole dimostrare in un eventuale processo di separazione, con prove inconfutabili, l'eventuale tradimento? Quando si parla di investigatore privato Milano, il primo pensiero è il caso di tradimento e pochi sanno che in realtà l’agenzia investigativa si occupa anche di molte altre situazioni, compresi i casi aziendali. Sicuramente, infatti, se le situazioni di infedeltà coniugale sono molto comuni, non sono l’unico motivo per cui è consigliabile rivolgersi a un’agenzia di investigazioni piuttosto che indagare da soli. Vediamo quindi perché affidarsi a un investigatore privato sia per questioni personali, sia per questioni aziendali.

Perché scegliere un’agenzia investigativa

I professionisti del settore sanno portare avanti un’indagine nel rispetto delle leggi e, in particolare, delle leggi sulla privacy che è molto rigida e di cui il privato non conosce in tutti i dettagli. Spesso all’agenzia investigativa spetta il compito di raccogliere le prove da portare in tribunale e, se il caso è complesso, lavorano anche più detective privati. Si tratta di un settore in cui si può lavorare solo dopo un determinato percorso di studi e una formazione ulteriore per ottenere la licenza, ma i limiti sono numerosi e l’intervento dell’investigatore è previsto solo in caso di lesione dei diritti della persona. L’attività di indagine privata è, quindi, possibile solo con una licenza rilasciata dalla prefettura e sulla base di alcuni requisiti che prevedono il costante aggiornamento del professionista e la presenza di determinati titoli di studio. Questo perché la relazione finale dell’investigatore ha carattere probatorio e può essere usata dall’avvocato in sede legale. Tale valenza probatoria è stata confermata in varie sentenze (n.1166 del 2012, n.1329 del 2013 e n. 11516 del 2014), che confermano la validità legale delle informazioni acquisite da un investigatore privato. Pertanto è consigliabile rivolgersi a un’agenzia professionale tutte le volte che si è in presenza di una lesione dei propri diritti e si vuole agire nel rispetto della legge.

I casi privati in cui interviene l’agenzia investigativa

Come abbiamo detto, in ambito privato, l’infedeltà coniugale è il caso principale in cui interviene l’agenzia investigativa Milano, ma non è l’unico, anche se cresce il numero di persone che temono il tradimento. In questi casi è meglio rinunciare all’istinto di pedinare il partner e rivolgersi a un investigatore professionista, che analizzerà la situazione con un punto di vista obiettivo e  conosce le leggi in materia. Altri ambiti di intervento dell’agenzia investigativa sono l’assegno di mantenimento o la raccolta di prove su comportamenti scorretti da parte di uno dei coniugi o in famiglia, ma anche  il controllo dei giovani in caso di comportamenti devianti. Un genitore può richiedere all’investigatore di scoprire abitudini e compagnie di amici frequentate dal figlio, mentre nel caso di minori le agenzie si occupano anche di affidamento.

Agenzia investigativa: i casi aziendali

Pochi sanno che anche le aziende possono rivolgersi a un’agenzia investigativa Milano per indagini sui dipendenti, per verificare la condotta delle persone o per fare accertamenti in caso di malattia. Naturalmente per tenere sotto controllo i lavoratori è necessario avere motivazioni davvero serie, che possono portare alla raccolta di documentazione e, addirittura, al licenziamento per giusta causa. Un altro caso in cui si chiede l’intervento dell’investigatore privato Milano è il recupero crediti, soprattutto se il debitore è irreperibile o per indagini di natura patrimoniale. Esistono, infine, i casi in cui le aziende ricorrono ad agenzie investigative per concorrenza sleale, in particolare per scoprire se soci o dipendenti rivelano informazioni riservate. Si può arrivare addirittura allo spionaggio aziendale, vero reato, o agli interventi di bonifica su telefoni e dispositivi informatici per accertarsi che non contengano spie. Non mancano le bonifiche ambientali, per scovare cimici o microcamere negli uffici dell’azienda, dato che questo tipo di minaccia è oggi comune. Il consiglio è, quindi, non agire da soli ma affidarsi ad agenzie investigative a Roma competenti e professionali, che aiutano la persona a far valere i suoi diritti nel rispetto della normativa vigente. Argo Investigazioni | Agenzia Investigativa Milano

]]>
WHICH DRESS CAN COVER THE ARM AND SHOULDERS? Sun, 22 Sep 2019 11:39:39 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/arte/musica/new_age/598583.html http://www.comunicati.net/comunicati/arte/musica/new_age/598583.html feeltimes feeltimes Give heeled, strappy sandals a try. These plan with both long, best Homecoming Dresses and short, thigh-length dresses. For an black look, try a brownish shade, such as argent or gold. You can aswell accord your ensemble a boho feel with covering gladiator sandals. These go abnormally able-bodied with looser, tunic-style dresses. Red is a archetypal bond for white dresses. Finish the accessory with a wide, red belt, red lipstick, or a red clutch. If red isn't your thing, try emerald blooming instead. 


A air-conditioned dejected is yet addition option, but you apperception wish to abstain annihilation with stripes, unless you are traveling for a abyssal look https://www.feeltimes.com. If you wish added than cap sleeves but not abounding sleeves, a abbreviate sleeved dress can be great. It can aswell accord your accouterments a ablaze adventurous vibe. Abbreviate sleeved is advised any sleeve that's cut aloft the elbows. If you wish a actual continued sleeve, go for an bend breadth sleeve or a abounding sleeve. Think about texture. Modest marriage dresses arise in a array of textures. Select a arrangement that meets your needs as a bride.

]]>
Il travel blogger e fotografo Fabio Accorrà nella giuria di Wiki Loves Abruzzo Sun, 22 Sep 2019 09:09:37 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/598582.html http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/598582.html basicterzosettore basicterzosettore

COMUNICATO STAMPA ERGA EDIZIONI

Il travel blogger e fotografo Fabio Accorrà
nella giuria di Wiki Loves Abruzzo

 
 

 

All’interno della competizione fotografica Wiki Loves Monuments - che si svolge ogni anno dal 1° al 30 settembre in oltre 50 Paesi in tutto il mondo per illustrare Wikipedia con le immagini dei beni culturali - i soci di Wikimedia Italia attivi in Abruzzo hanno lanciato il concorso regionale Wiki Loves Abruzzo.
 
Il travel blogger e fotografo Fabio Accorrà, autore per Erga edizioni del volume The Colors of Japan, fa parte della giuria di Wiki Loves Abruzzo, assieme alla coordinatrice Abruzzo Wikimedia Italia Carla Colombati, i soci Dimitri Bosi, Anastasia Nespoli e gli altri membri della giuria: Luciano Adriani, Emanuela Amadio, Eugenia Casamassima, Maurizio Colasanti, Marco De Angelis, Romano Visci.

 
 


 
Per maggiori informazioni sul concorso visita il sito web ufficiale e le pagine Facebook
wikilovesmonuments.wikimedia.it
www.facebook.com/wikimedia/
http://wikilovesmonuments.wikimedia.it/concorso/concorsi-locali/#10
Wiki Loves Abruzzo www.facebook.com/wikilovesabruzzo/ 


 

Erga edizioni - Mura delle Chiappe 37/2 - 16136 Genova Tel. 010 8328441
Mail edizioni@erga.it    Catalogo e recensioni on line www.erga.it   Distribuzione nazionale CDA Bologna
Seguici su Facebook: facebook.com/ErgaEdizioni  o su Twitter: twitter.com/ergaedizioni






This email was sent to pubblica@comunicati.net
why did I get this?    unsubscribe from this list    update subscription preferences
Carla Scarsi · via xxv aprile 105 · pieve ligure, GE 16031 · Italy

Email Marketing Powered by Mailchimp
]]>
How to choose a dress for someone you love? Sun, 22 Sep 2019 07:52:51 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/arte/musica/lirica/598580.html http://www.comunicati.net/comunicati/arte/musica/lirica/598580.html feeltimes feeltimes Satin and clover are both beautiful, added fabrics for winter gowns. If you adulation a bolt like tulle, lace, or chiffon, it can consistently be layered a added fabric Evening DressesConsider abacus a glassy lining to lighter-weight gowns. Sometimes you abatement in adulation with a clothes and can’t brainstorm accepting affiliated in annihilation else. If you appear to admire a marriage dress that is failing and potentially not as warm, don’t fret! Ask the specialist at the conjugal abundance or a conjugal alterations specialist if they can add a glassy lining to the dress you’ve picked.

This will accumulate you balmy and acquiesce you to bedrock the dress you feel best in. You’re engaged, the date is booked, and the area is picked. It’s time to buy a marriage dress! This will be one of the a lot of memorable locations of your marriage planning, so yield your time https://www.feeltimes.com. You’ll wish to adore researching styles, award the best places to bazaar and aggravating on dresses until you acquisition “the one” — all while spending this admirable time with your accompany and family. Give yourself affluence of time. To abstain activity rushed, alpha the arcade action as aboriginal as possible. A lot of experts acclaim starting about eight months afore the marriage day.

]]>
Dal Pizza Village è partita la Pizza “Scegli Napoli” Sun, 22 Sep 2019 06:08:37 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/598579.html http://www.comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/598579.html Miss Italia 71a edizione Miss Italia 71a edizione Presentata con successo la Pizza “Scegli Napoli” ideata da Rossopomodoro con i suoi chef Antonio Sorrentino e il Maestro Pizzaiuolo Campione del Mondo Davide Civitiello, che insieme a Teresa Iorio altra campionessa mondiale in più categorie del disco di pasta lievitato ed infornato, unica donna al mondo campione di questo settore professionale, costituiscono il bello dell’Italia e della catena di Rossopomodoro nel mondo della pizza, un nome che qualcuno sostiene sia il primo e più appreso dall’essere umano dopo quello di mamma.  La nuova Pizza, come vuole il marchio “Scegli Napoli”, nasce con l’obiettivo di proporre l’acquisto di tutti i prodotti realizzati dalle aziende con sede legale nella città di Napoli e del suo territorio metropolitano. Scegli Napoli, va prodotta con un impasto tradizionale della pizza napoletana, a 24 ore di lievitazione, che steso va farcita con Pomodoro San Marzano, rucola e basilico, olio EVO e fior di latte della penisola sorrentina, dolce con quella vena di fermento che ci dà un pò di piccante, pomodorini del piennolo del Vesuvio e gialli e in uscita tarallo ‘nzogna e pepe sbriciolato. Flavia Sorrentino, Delegata del Sindaco di Napoli all’Autonomia della Città, ha confermato quanto sia importante per il nostro territorio la decisione di portare avanti un progetto di valorizzazione dei nostri prodotti enogastronomici, affermando che partecipano al disegno, 80 realtà imprenditoriali, 50 realtà fanno parte della media e grande distribuzione, mentre 30 sono testimonial eccezionali. Claudio Sebillo e Alessandro Marinacci, organizzatori del Pizza Village, l’happening più grande d’Italia, soddisfatti di questa, come di altre iniziative artefici del successo nel corso di questa IX edizione, che ha superato il record del 2018 di 1.047.000 presenze, hanno anche confermato di voler portare a New York una edizione estera come quella che vive annualmente il Lungomare Caracciolo di Napoli, realizzando anche particolari pacchetti viaggio con il supporto di tour operator, Trenitalia e compagnie aeree. Gennarino Masiello Vicepresidente nazionale di Coldiretti, ricordando l’impegno del loro sodalizio per promuovere i prodotti nostrani attraverso “Campagna Amica”, ha apprezzato anche lui la pizza Scegli Napoli condivisa anche dal Maestro pizzaiolo Enzo Coccia che è stato il primo a portare nel mondo la vera conoscenza ed insegnamento dell’artigianalità di elaborazione della Pizza napoletana autentica. Entusiasti per la nuova pizza e per tutto l’andamento di svolgimento del Pizza Village, anche attraverso la loro partecipazione e attività sviluppata in varie forme ed in vari spazi durante tutto il corso dell’evento, si sono espressi Franco Manna, Clelia Martino e Antonio Sorrentino, rispettivamente Presidente, Development Manager e Executive Chef di Rossopomodoro. Infatti grande affluenza ha registrato l’Area Ospitalità gestita da Rossopomodoro con “Terrazza Ferrari e Ferrarini”, apprezzabilmente curata nell’accoglienza da Fabiano Massa, dove oltre alle 700/800 pizze al giorno che il bravo maestro pizzaiuolo Gennaro Piccolo della sede su via Partenope sempre di Rossopomodoro, omaggiate agli ospiti unitamente bibite a volontà, Coca Cola, Birra Peroni ed acqua Ferrarelle, è stato possibile, per gli invitati, gustare anche il particolarmente eccellente prosciutto cotto “Ferrarini” e la Mozzerella di bufala Campana Dop, Fior di latte e provola della “Latteria Sorrentina”, il tutto accompagnato dal famoso vino Spumante italiano Brut o Rosé  “Ferrari”. Per quanto riguarda Ferrari è stato molto apprezzato il proprio stand “Casa Ferrari”, realizzato al fianco di Terrazza Ferrari-Rossopomodoro, dove si sono tenuti numerosi incontri per promuovere la conoscenza ed i valori di una buona pizza a dell’Arte del pizzaiuolo. Quest’anno il Pizza Village ha avuto la partecipazione di 45 pizzerie, più quella senza Glutine di Marco Amoriello, tre volte campione mondiale in questa specialità per celiaci, che sul Lungomare Caracciolo si sono impegnate a promuovere, molte attraverso gli stessi titolari e grandi maestri pizzaiuoli, l’autentica Pizza Napoletana elaborata secondo il disciplinare di produzione della Specialità Garantita, l’STG pubblicato sulla G.U. della R.I. del 9-3-2010 e con l’Arte del Pizzaiuolo Napoletano che ha ottenuto il riconoscimento dell’Unesco come Bene Immateriale dell’Umanità.  Rossopomodoro, che ha gestito brillantemente l’accoglienza in Terrazza Ferrari, ha anche realizzato un mega proprio spazio, a termine della fila di pizzerie presenti, dove Clelia Martino e gli chef Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis, insieme ad altri maestri pizzaioli, non solo di Rossopomodoro, per 10 giorni attraverso 19 lezioni, due lezioni al girono di 1 ora e 30 cadauna, alle 18:30 e 21:00, hanno insegnato ad appassionati come produrre al meglio una buona pizza consegnando a termine 40 attestati ai partecipanti invitati a seguire il mondo pizza. Ad ogni lezione hanno partecipato 20 allievi che hanno ricevuto insegnamenti in 3 step sul come impastare farina acqua sale e lievito, passando al secondo che prevede la stagliatura con il fare 6 piccoli panetti per poi passare alla terza fase con la stesura della pizza, il condimento ed il forno. Partiti con il taglio del nastro di Casa Rossopomodoro, progetto nato 6 anni addietro su idea di Clelia Martino, da sempre affiancata da Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis, con la presenza del Gran Maestro pizzaiuolo Gino Sorbillo, molto partecipe alla manifestazione del Pizza Village, anche perché recentemente nominato dall’ANDI (Associazione Nazionale Doc Italy) in Campidoglio a Roma, Ambasciatore Doc Italy della Pizza Napoletana nel mondo, si sono avvicendati numerosi grandi maestri come Valentino Libro ed altri che hanno offerto le loro diversità, curiosità ed esperienze, in un clima di divertimento ed allegria. Questo spazio formativo realizzato dalla Martino per la grande azienda della quale è artefice di successi è stato ideato per offrire, attraverso una raccolta fondi, due borse studio a favore dell’ente formativo Museum Italian Pizza, proposto da Claudio Sibilla, che aiuterà i giovani ad inserirsi nel mondo del lavoro. Cosa molto importante, ci dice la Martino: “c’è stata una maggiore affluenza, ai nostri corsi, di turisti esteri e di persone provenienti da tutte le regioni del nord Italia, almeno un 20% in più, che hanno voluto vivere l’esperienza del Pizza Village per portare con se lo slogan di quest’anno che recita -Come un giorno a Napoli-“. La manifestazione ha avuto anche una costante presenza di Carmine, Eugenio e Antimo Caputo titolari di Farina Caputo che dal 1824 proietta nel mondo le sue farine con sempre nuove ricerche per renderle sempre più appetibili ai pizzaiuoli che desiderano esprimersi al meglio con la loro Arte di produrre vere ed autentiche pizze. Ovviamente a termine di degustazione di pizze ed altro con un panorama unico al mondo, suggestivo e impareggiabile il visitatore del Pizza Village 2019, non poteva andar via senza aver gustato “L’Oro di Napoli” che in questa edizione, come per le precedenti, caffè “Kenon” ha permesso a tutti di gustare, inebriando con i suoi profumi l’intera area dove si è posizionato con il proprio Stand.  

Giuseppe De Girolamo

]]>
But still anyone with classic wow gold Sun, 22 Sep 2019 05:55:15 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/arte/varie/598578.html http://www.comunicati.net/comunicati/arte/varie/598578.html yuandanzou yuandanzou You missed the NON GC. Which made instant caast be able to macroed to a single button. AKA, warlocks instant casting all dots, same with shadow priests. The whole will fo forsaken was a matter with warlock/warriors. What made it huge was that I didnt share CD with trinkets. But still anyone with classic wow gold a mind could take them down.less it was a lock, SP or even the 5 bubble pali's. Fantastic vid, but the unhappy thin is that which you did was study the internet.dont believe you actually played it. And to be honest it was good. Sure there was that the core that is hard that is random as its made out to be, but it wasn't as easy. Superior players still could . Damage did not increase. PVP equipment had no shadow immunity, pve gear had around 100 which is somewhat annoying but not the end of the planet in PVP, when they needed to counter player, res gear was used by folks in PVP. Besides nobody employed CoS in cheap wow classic gold pvp because misery is undoubtedly you best dot and CoT/CoEX are simply better in every other possible situation, and if you rolled destro you just used CoE.Reason why Lupus did damage he did(which can be wrongfully appointed to do something together with resistances) was him doing shadow damage and consuming crucial shadowbolt debuff which made every warlock in the raid mad as hell of predators with this dumb wolf. Although two of the best ten abilities you showed us were Shamans (Frost shock,Windfury) people have false thoughts about Vanilla Shaman because of the movies out there showing fully geared hybrids one shot individuals with WF procs.

]]>
But still anyone with classic wow gold Sun, 22 Sep 2019 05:54:32 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/arte/varie/598577.html http://www.comunicati.net/comunicati/arte/varie/598577.html yuandanzou yuandanzou You missed the NON GC. Which made instant caast be able to macroed to a single button. AKA, warlocks instant casting all dots, same with shadow priests. The whole will fo forsaken was a matter with warlock/warriors. What made it huge was that I didnt share CD with trinkets. But still anyone with classic wow gold a mind could take them down.less it was a lock, SP or even the 5 bubble pali's. Fantastic vid, but the unhappy thin is that which you did was study the internet.dont believe you actually played it. And to be honest it was good. Sure there was that the core that is hard that is random as its made out to be, but it wasn't as easy. Superior players still could . Damage did not increase. PVP equipment had no shadow immunity, pve gear had around 100 which is somewhat annoying but not the end of the planet in PVP, when they needed to counter player, res gear was used by folks in PVP. Besides nobody employed CoS in cheap wow classic gold pvp because misery is undoubtedly you best dot and CoT/CoEX are simply better in every other possible situation, and if you rolled destro you just used CoE.Reason why Lupus did damage he did(which can be wrongfully appointed to do something together with resistances) was him doing shadow damage and consuming crucial shadowbolt debuff which made every warlock in the raid mad as hell of predators with this dumb wolf. Although two of the best ten abilities you showed us were Shamans (Frost shock,Windfury) people have false thoughts about Vanilla Shaman because of the movies out there showing fully geared hybrids one shot individuals with WF procs.

]]>
But still anyone with classic wow gold Sun, 22 Sep 2019 05:47:07 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/arte/varie/598576.html http://www.comunicati.net/comunicati/arte/varie/598576.html yuandanzou yuandanzou You missed the NON GC. Which made instant caast be able to macroed to a single button. AKA, warlocks instant casting all dots, same with shadow priests. The whole will fo forsaken was a matter with warlock/warriors. What made it huge was that I didnt share CD with trinkets. But still anyone with classic wow gold a mind could take them down.less it was a lock, SP or even the 5 bubble pali's. Fantastic vid, but the unhappy thin is that which you did was study the internet.dont believe you actually played it. And to be honest it was good. Sure there was that the core that is hard that is random as its made out to be, but it wasn't as easy. Superior players still could . Damage did not increase. PVP equipment had no shadow immunity, pve gear had around 100 which is somewhat annoying but not the end of the planet in PVP, when they needed to counter player, res gear was used by folks in PVP. Besides nobody employed CoS in cheap wow classic gold pvp because misery is undoubtedly you best dot and CoT/CoEX are simply better in every other possible situation, and if you rolled destro you just used CoE.Reason why Lupus did damage he did(which can be wrongfully appointed to do something together with resistances) was him doing shadow damage and consuming crucial shadowbolt debuff which made every warlock in the raid mad as hell of predators with this dumb wolf. Although two of the best ten abilities you showed us were Shamans (Frost shock,Windfury) people have false thoughts about Vanilla Shaman because of the movies out there showing fully geared hybrids one shot individuals with WF procs.

]]>
But still anyone with classic wow gold Sun, 22 Sep 2019 05:46:03 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/arte/varie/598575.html http://www.comunicati.net/comunicati/arte/varie/598575.html yuandanzou yuandanzou You missed the NON GC. Which made instant caast be able to macroed to a single button. AKA, warlocks instant casting all dots, same with shadow priests. The whole will fo forsaken was a matter with warlock/warriors. What made it huge was that I didnt share CD with trinkets. But still anyone with classic wow gold a mind could take them down.less it was a lock, SP or even the 5 bubble pali's. Fantastic vid, but the unhappy thin is that which you did was study the internet.dont believe you actually played it. And to be honest it was good. Sure there was that the core that is hard that is random as its made out to be, but it wasn't as easy. Superior players still could . Damage did not increase. PVP equipment had no shadow immunity, pve gear had around 100 which is somewhat annoying but not the end of the planet in PVP, when they needed to counter player, res gear was used by folks in PVP. Besides nobody employed CoS in cheap wow classic gold pvp because misery is undoubtedly you best dot and CoT/CoEX are simply better in every other possible situation, and if you rolled destro you just used CoE.Reason why Lupus did damage he did(which can be wrongfully appointed to do something together with resistances) was him doing shadow damage and consuming crucial shadowbolt debuff which made every warlock in the raid mad as hell of predators with this dumb wolf. Although two of the best ten abilities you showed us were Shamans (Frost shock,Windfury) people have false thoughts about Vanilla Shaman because of the movies out there showing fully geared hybrids one shot individuals with WF procs.

]]>
But still anyone with classic wow gold Sun, 22 Sep 2019 05:44:49 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/arte/varie/598574.html http://www.comunicati.net/comunicati/arte/varie/598574.html yuandanzou yuandanzou You missed the NON GC. Which made instant caast be able to macroed to a single button. AKA, warlocks instant casting all dots, same with shadow priests. The whole will fo forsaken was a matter with warlock/warriors. What made it huge was that I didnt share CD with trinkets. But still anyone with classic wow gold a mind could take them down.less it was a lock, SP or even the 5 bubble pali's. Fantastic vid, but the unhappy thin is that which you did was study the internet.dont believe you actually played it. And to be honest it was good. Sure there was that the core that is hard that is random as its made out to be, but it wasn't as easy. Superior players still could . Damage did not increase. PVP equipment had no shadow immunity, pve gear had around 100 which is somewhat annoying but not the end of the planet in PVP, when they needed to counter player, res gear was used by folks in PVP. Besides nobody employed CoS in cheap wow classic gold pvp because misery is undoubtedly you best dot and CoT/CoEX are simply better in every other possible situation, and if you rolled destro you just used CoE.Reason why Lupus did damage he did(which can be wrongfully appointed to do something together with resistances) was him doing shadow damage and consuming crucial shadowbolt debuff which made every warlock in the raid mad as hell of predators with this dumb wolf. Although two of the best ten abilities you showed us were Shamans (Frost shock,Windfury) people have false thoughts about Vanilla Shaman because of the movies out there showing fully geared hybrids one shot individuals with WF procs.

]]>
PRN: 2019 Hengshui Lake International Marathon, one of China's most highly regarded marathon races, to kick off on September 22 Sun, 22 Sep 2019 04:30:57 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/turismo/varie/598581.html http://www.comunicati.net/comunicati/turismo/varie/598581.html PR Newswire Turismo PR Newswire Turismo

2019 Hengshui Lake International Marathon, one of China's most highly regarded marathon races, to kick off on September 22

  [22-September-2019]  

HENGSHUI, China, Sept. 22, 2019 /PRNewswire/ -- 2019 Hengshui Lake International Marathon will start at 7:30 am on September 22. In its 9th edition, the event is accredited as a Gold Label road race by the International Association of Athletics Federations, demonstrating that the competition has met the highest expectations for a marathon race in terms of the race itself, comprehensive services for the runners and support facilities. Some 20,000 runners signed up for this year's event, including 6,000 for the full 40km race, 4,000 for the half-marathon and 10,000 for the 5km fun run.

The course that runs alongside Hengshui Lake is quite ideal for runners in terms of seasonal temperature and humidity. This year, the organizer had upgraded some parts of the course, resulting in a reduction in the average altitude of the entire course by about one meter. Surrounded by the beauty of Hengshui Lake, which is one of China's national natural reserves, runners are expected to achieve even better results, in addition to enjoying the majestic scenery.

The event will be broadcast live on Dubai Sports, Fox Sports and StarTimes TV. Don't forget to tune in.

Source: Hengshui Lake International Marathon Organizing Committee

]]>
Successo al Pizza Village per il “XVIII Campionato del Mondo dei Pizzaiuoli” e il “Trofeo delle Nazioni” Sun, 22 Sep 2019 00:00:52 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/598572.html http://www.comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/598572.html Miss Italia 71a edizione Miss Italia 71a edizione
  • Nell’ambito della nona edizione del “Napoli Pizza Village” in svolgimento dal 13 al 22 settembre sul Lungomare Caracciolo del capoluogo partenopeo, il grande padiglione organizzato da Farina Caputo, ha terminato le sue grandi kermesse che hanno portato, ad accendere 10 forni, ai quali si sono avvicendati nelle gare oltre 600 pizzaioli tra italiani e stranieri provenienti da quasi tutti i continenti. Il tutto, per decretare nei primi tre giorni i vincitori del “XVIII Campionato del Mondo dei Pizzaiuoli” e nella giornata finale la nazione conquistatrice del “Trofeo delle Nazioni”. La XVIII edizione del Campionato del Mondo dei Pizzaiuoli, tenutasi nei giorni 16/17 e 18, ha permesso di vivere tre giornate di intense gare che accanto alle “tradizionali” Pizza STG, Pizza Classica, Pizza di Stagione, Pizza in Teglia, Pizza Metro/Pala, Pizza senza glutine, Pizza Fritta, Pizza Acrobatica (larga, veloce, freestyle), quest’anno hanno visto l’aggiunta della categoria Juniores, dove i pizzaioli si sono sfidati nelle nuove categorie Pizza Contemporanea e Pizza Americana.Questa categoria Contemporanea, ha voluto anche dettare delle regole per quella ultimamente tanto diffusa pizza “Canotto”, una pizza dove il cornicione “a canotto”, ha spinto gli esperti di Mulino Caputo che dal 1824 si impegna a conquistare il mondo come produttore dei migliori grani macinati, ed a mettere a punto le farine “Nuvola” e “Nuvola Super”, che assecondano l’esigenza di “scioglievolezza” di questo tipo di pizza. Questo importante evento creato da Caputo, con il suo Trofeo, ha dimostrato negli anni e dimostra sempre più, di essere la più grande e spumeggiante manifestazione internazionale dedicata alla pizza, invogliando a giungere a Napoli per competere pizzaiuoli da: Giappone, Thailandia, Corea del Sud, Taiwan, Cina, Argentina, Brasile, Stati Uniti, Canada, Francia, Spagna, Germania, Inghilterra, Egitto, Marocco, Tunisia,Russia, Portogallo, Australia ed ovviamente dall’Italia, con oltre 50 Paesi del mondo. Il titolo di Campione del Mondodei Pizzaiuoli - XVIII Trofeo Caputo se l’è aggiudicato per questo 2019, Ciro Magnetti di Melito di Napoli, che nel 2018conquistò il primo posto nella categoria Pizza di Stagione, nel 2016 giunse secondo nella categoria Pizza senza Glutine e nel 2015 divenne campione della categoria pizza a Pizza al Metro. Dopo Magnetti, al secondo posto come miglior pizzaiuolo del mondo 18° Trofeo Caputo per la categoria più ambita, la pizza STG (specialità tradizionale garantita), si è classificatoFerdinando Percoco, in forza presso Rossopomodoro di Rimini, che ha vinto anche la Gran Coppa Rossopomodoro come primo pizzaiuolo Rossopomodoro in tutto il mondo. La categoria della Pizza Contemporanea ha visto trionfare Giuseppe Cutraro, che vive a Parigi dove coordina il lavoro di 80 pizzaioli, mentre la giovane Laura Meyer, italoamericana arrivata direttamente da San Francisco, ha conquistato un’altra delle categorie più innovative e interessanti della competizione, quella della Pizza Americana. Peppe Crapetti titolare della pizzeria Fermento al Vomero, ha vinto il contest Trenitalia premio di pizzaiuolo più veloce del Napoli Pizza Village, realizzando la sua opera in 20 secondi e 76 centesimi. Nella giornata del 19, sempre con gradinate e spalti dello spazio allestito sul Lungomare da Mulino Caputo, gremito di pubblico e coordinato da un instancabile Sergio Miccù, presidente  dell’APN,  passionario della realizzazione di aspirazioni e professionalità dei pizzaiuoli suoi iscritti, che ha diretto tutte le operazioni di gare, insieme al suo vice Umberto Fornito, pluricampione mondiale di campionati e gare di Pizzaiuoli, con Felicia Annarumma, coordinatrice di una giuria che ha visto solo nomi di grandi esperti del settore, si è  giunti alla gara per la conquista della fantastica coppa del “Trofeo delle Nazioni” con la partecipazione di quasi tutte le nazioni sopra citate. A presentare egregiamente al pubblico che ammirava ed applaudiva i concorrenti in gara nelle loro performance, non poteva mancare il presentatore degli eventi Caputo, il mitico conduttore Enzo Calabrese, che ha presentato le intere giornate con la sua magica voce dai riverberi morbidi e gentili, tanto da divenire attraente ed interessante per gli uditori, e questo nonostante diverse difficoltà tecniche verificatesi per il mancato buon funzionamento del server amplificante i microfoni. Il “Trofeo delle Nazioni” con 4210 voti dati dalla qualificatissima giuria se lo è aggiudicato Taiwan, mentre sul secondo scalino del podio con 4145 voti è giunto il Portogallo e la medaglia di bronzo è andata all’Italia che ha ottenuto 3900 voti. I vincitori sono stati premiati da Carmine, Eugenio e Antimo Caputo. Nel salutare concorrenti e ospiti e dare appuntamento per la prossima edizione Carmine Caputo ha detto: “Siamo orgogliosi di avere avuto pizzaiuoli provenienti da tutto il mondo, sia ieri con la tre giorni del XVIII Campionato Mondiale della Pizza, che oggi con il Trofeo delle Nazioni, questa competizione a squadre, innovativa che abbiamo inserita in occasione del 18 compleanno del concorso che si è sviluppato con sempre maggiore successo negli anni. Siamo entusiasti della loro partecipazione, felici di averli accolti e ci auguriamo che loro siano rimasti contenti di aver partecipato a un grande evento che si fa ancora più grande con la loro presenza”.
  •          Giuseppe De Girolamo

    ]]>
    “Fall in Marketing: il primo manuale per innamorarsi perdutamente del marketing” Sat, 21 Sep 2019 23:31:27 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/598570.html http://www.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/598570.html Francesco Pastoressa Francesco Pastoressa

     

    Per la prima volta un libro sul marketing scritto per appassionare prima che formare.

    Un primo appuntamento per cominciare quella che può essere una bella storia d’amore, partendo dalla fase di conoscenza fino agli approfondimenti, raccontati con la leggerezza di un romanzo.

     

    Fall in Marketing, il primo manuale per innamorarsi del marketing è prenotabile da oggi in tutte le librerie italiane e disponibile in tutti gli store online (IBS, Feltrinelli, Libreria Universitaria, Amazon). Il libro, edito dalla casa editrice “Il Seme Bianco”, accompagna il lettore in un viaggio appassionante attraverso tutti i concetti fondamentali del marketing, ricco di esempi pratici e denso di nozioni importanti, espresse con semplicità.

     

    L’idea di scrivere un libro sul marketing” dichiara l’autore, Francesco Pastoressa, “è nata dai continui confronti con professionisti e con studenti sulla materia, confronti nei quali ci siamo accorti che troppo spesso oggigiorno il pubblico tende a confondere marketing con singole specialità: la comunicazione, il social marketing, il posizionamento. Da questa considerazione è scaturita l’idea di scrivere un libro sul marketing che sia semplice ma allo stesso tempo completo, tecnico ma divertente, insomma che faccia appassionare”.     

     

    Da questa passione tipica dell’innamoramento nasce il titolo dell’opera, che ricalca il comune verbo inglese “fall in love”.

     

    È possibile leggere l’indice completo e prenotare il libro a questa pagina.

     

    Francesco Pastoressa, laureato in comunicazione con una tesi sulle Smart cities, da diversi anni si occupa di marketing aiutando professionisti e imprenditori a trarre il massimo da questa disciplina. Attualmente coordina i progetti di marketing digitale di un’importante agenzia specializzata in B2B e scrive per diverse testate online di riferimento.

    ]]>
    Gli esperti considerano l'osteoporosi una vera e propria epidemia silenziosa che, secondo quanto emerso dal nuovo sondaggio pubblicato in data odierna, è trascurata e non adeguatamente affrontata Sat, 21 Sep 2019 22:52:46 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/598569.html http://www.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/598569.html Pr NewsWire Aziende Pr NewsWire Aziende
     

    View in Browser

     

    News From UCB

    Transmitted by PR Newswire for Journalists on September 21, 2019 10:51 PM CEST
     

    Gli esperti considerano l'osteoporosi una vera e propria epidemia silenziosa che, secondo quanto emerso dal nuovo sondaggio pubblicato in data odierna, è trascurata e non adeguatamente affrontata

     
     

    - Si stima che l'osteoporosi colpisca 200 milioni di persone in tutto il mondo1 e che provochi una frattura ogni 3 secondi2, eppure una recente indagine rivela che gli specialisti in Europa ritengono che non sia adeguatamente riconosciuta3

    - Gli specialisti intervistati (82%) ritengono che l'osteoporosi sia un'epidemia silenziosa, eppure solo il 24% di loro crede che il loro sistema sanitario sia adeguatamente preparato a sostenere i pazienti affetti da osteoporosi3

     - Secondo la metà (53%) degli specialisti, i loro pazienti ritengono che l'osteoporosi o le fratture da fragilità abbiano un effetto solo nel breve termine3, nonostante la chiara evidenza dell'impatto a lungo termine sulla qualità della vita e sulla loro indipendenza4,5

    BRUXELLES, 21 settembre 2019 /PRNewswire/ -- Una recente indagine europea, pubblicata in data odierna da UCB, rivela che gli specialisti ritengono che l'osteoporosi e le fratture da fragilità siano trascurate e non siano considerate una priorità dai rispettivi sistemi sanitari e che sia quindi necessario intervenire.3 L'indagine, condotta ad agosto 2019, ha richiesto a 401 specialisti di 11 Paesi europei di descrivere la loro esperienza nella gestione dell'osteoporosi e delle fratture da fragilità.3

    Il 66% dei partecipanti all'indagine condivideva l'opinione che l'osteoporosi sia una condizione trascurata e solo il 10% degli specialisti ha affermato che l'osteoporosi e le fratture da fragilità sono attualmente considerate altamente prioritarie dalle autorità sanitarie locali.3 La maggioranza (90%) ritiene che la condizione debba essere considerata una priorità sanitaria pubblica e il 91% ha affermato che una gestione più efficace potrebbe migliorare gli outcome e ridurre i costi.3 Attualmente, nelle donne di oltre 45 anni di età, l'osteoporosi è responsabile di più giorni di ricovero ospedaliero rispetto a numerose altre malattie, compresi il diabete e il tumore al seno.6 Nel 2010, il costo delle fratture da fragilità nell'Unione Europea è stato di €37 miliardi7 e, sulla base dei cambiamenti demografici in atto, è destinato a raddoppiare entro il 2050.1

    "Questi risultati confermano ciò che molti di noi già sapevano. Ogni anno che passa, a sempre più pazienti viene potenzialmente negata una gestione efficace della patologia e questo li espone a fratture in grado di cambiare la loro vita. Abbiamo bisogno di gruppi di pazienti e di consulenti che possano sostenere gli specialisti nazionali per implementare approcci efficaci in modo da rendere il tema una priorità per le istituzioni politiche, i medici di base e i pazienti", ha commentato il Dott. Kassim Javaid, Consulente in reumatologia presso l'Università di Oxford. "Benché il fine ultimo sia prevenire la prima frattura, servizi integrati di gestione del paziente post-frattura come il Fracture Liaison Service (FLS) hanno iniziato a colmare il divario nell'ambito delle cure sanitarie ed è adesso necessario espanderli a livello internazionale. Una volta attivati questi sistemi, i modelli FLS possono evolversi per identificare i gruppi di pazienti ad alto rischio e prevenire la prima frattura, che resta il nostro obiettivo primario."

    L'indagine suggerisce inoltre che i pazienti non siano bene informati sull'osteoporosi e sul relativo impatto. Solo un terzo (33%) degli specialisti ritiene che i loro pazienti comprendano l'impatto a lungo termine dell'osteoporosi e più della metà (53%) afferma che i loro pazienti ritengono che vi sia un rischio basso o nullo di fratture da fragilità successive alla prima,3 nonostante l'evidenza mostri che dopo avere subito la prima frattura si corre un rischio cinque volte superiore di subire un'altra frattura entro un'anno.8 La situazione è ulteriormente aggravata tra le persone che hanno una frattura dell'anca: il 40% non è più in grado di camminare autonomamente9 e fino a un quarto delle persone che hanno una frattura dell'anca muore durante l'anno successivo alla frattura.10,11

    Inoltre, l'indagine ha evidenziato che le problematiche di gestione dell'osteoporosi possono anche risiedere a livello di cure primarie. La maggioranza (84%) degli specialisti intervistati ritiene che siano necessarie una maggiore consapevolezza e una maggiore comprensione dell'osteoporosi da parte dei medici di base e solo il 32% ha affermato che i medici di base inviano tempestivamente a uno specialista le diagnosi sospette di osteoporosi.3

    Essendo l'osteoporosi la patologia ossea più comune a livello globale, che causa oltre 8,9 milioni di fratture da fragilità ogni anno in tutto il mondo,12 è necessario fare di più per istruire e sostenere i medici di base e I pazienti sull'importanza di una gestione efficace e un tempestivo consulto specialistico.

    "I pazienti affetti da osteoporosi possono dover affrontare una grave perdita dell'indipendenza e una qualità della vita ridotta, soprattutto dopo avere subito una frattura da fragilità. I risultati di questa indagine evidenziano che, secondo gli specialisti, non si fa abbastanza per garantire la priorità necessaria a livello di sistema sanitario", ha affermato Pascale Richetta, Head of Bone ed Executive Vice President di UCB. "Dobbiamo contribuire a prevenire il diffondersi di questa epidemia silenziosa educando maggiormente le istituzioni politiche, i medici e i pazienti sull'impatto a lungo termine dell'osteoporosi, in modo da poter gestire efficacemente questa condizione e da ridurre il rischio di successive fratture."

    Informazioni sull'indagine

    UCB ha condotto un'indagine presso operatori sanitari specializzati in disturbi del metabolismo osseo. L'indagine è stato condotto in agosto-settembre 2019 come parte di un'iniziativa mirata a indagare gli atteggiamenti e la priorità percepita dell'osteoporosi e delle fratture da fragilità in undici dei principali Paesi industrializzati: Germania, Spagna, Francia, Regno Unito, Grecia, Irlanda, Italia, Lituania, Paesi Bassi, Polonia e Romania. 401 professionisti sanitari sono stati intervistati online in merito all'osteoporosi e alle fratture da fragilità.

    Informazioni su UCB

    UCB, Bruxelles, Belgio (www.ucb.com) è un'azienda biofarmaceutica globale dedicata alla scoperta e allo sviluppo di farmaci e soluzioni innovative per trasformare la vita delle persone che convivono con malattie gravi del Sistema immunitario o del sistema nervoso centrale. Con 7.500 dipendenti in circa 40 Paesi, l'azienda ha generato utili per €4,6 miliardi nel 2018. UCB è quotata alla borsa Euronext di Bruxelles (simbolo: UCB). Seguici su Twitter: @UCB_news

    Bibliografia

    1. Reginster JY, Burlet N. Osteoporosis: A still increasing prevalence. Bone. 2006 Feb;38 (2 Suppl 1):S4-9
    2. Johnell O and Kanis JA (2006). Osteoporos Int 17:1726
    3. SERMO. Osteoporosis study for UCB 2019.
    4. Bentler SE, et al. Am J Epidemiol. 2009;170:1290-1299.
    5. Cosman F, et al. Osteoporos Int. 2014;25:2359-2381.
    6. Kanis JA, Delmas P, Burckhardt P, et al. (1997). Osteoporos Int 7:390.
    7. Hernlund E, Svedbom A, Ivergard M, Compston J, et. al. 10.1007/s11657-013-0136-1. 2013, 8(1-2):136
    8. van Geel TA, van Helden S, Geusens PP, Winkens B, Dinant GJ. Ann Rheum Dis 2009;68:99�“102.
    9. Magaziner J, Simonsick EM, Kashner TM, et al. J Gerontol 1990;45:M101.
    10. Cooper C, Atkinson EJ, Jacobsen SJ, et al. Am J Epidemiol 1993;137:1001.
    11. Leibson CL, Tosteson AN, Gabriel SE, et al. J Am Geriatr Soc 2002;50:1644.
    12. Ström O, Borgström F, Kanis JA, et al. Arch Osteoporos. 2011;6:59-155. doi: 10.1007/s11657-011-0060-1.

    SOURCE UCB

    CONTACT: Per maggiori informazioni: Scott Fleming, Bone Communications Lead, UCB, Tel. +44 7702 777378, scott.fleming@ucb.com. France Nivelle, Global Communications, UCB, Tel. +32.2.559.9178, france.nivelle@ucb.com, Laurent Schots, Media Relations, UCB, Tel. +32.2.559.92.64, laurent.schots@ucb.com
     
    View in Browser
     
                                                               
    ]]>
    PRN: JNA Jewellery Design Competition fetes winners and finalists of 2018/19 edition Sat, 21 Sep 2019 21:38:35 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/turismo/varie/598573.html http://www.comunicati.net/comunicati/turismo/varie/598573.html PR Newswire Turismo PR Newswire Turismo

    JNA Jewellery Design Competition fetes winners and finalists of 2018/19 edition

      [21-September-2019]  

    HONG KONG, Sept. 21, 2019 /PRNewswire/ -- The winners and finalists of the JNA Jewellery Design Competition 2018/19 were recognised in a prize presentation ceremony on 18 September 2019 during the Fair Reception of the September Hong Kong Jewellery & Gem Fair 2019.

    Organised by JNA of Informa Markets, the competition celebrates creativity, innovation and excellence in jewellery design. One Champion and four Merit recipients were announced for each of the 2018/19 edition's three categories in June. Renowned jewellery designer Fei Liu, who chaired the judging panel, led the proceedings at the prize presentation ceremony.

    Crossfor CEO Hidetaka Dobashi presents the Champion trophy to Mami Ochiai’s representative Nobuyuki Horiuchi

    Sponsored by Crossfor Co Ltd, the Dancing Stone category invited participants to reflect the theme "New Fashion Tech" in their entries. Mami Ochiai from Japan was named Champion for her spectacular Heptagram jewellery design.

    "The Heptagram is a seven-point star drawn with seven straight strokes. It is a symbol of perfection, light, eternity, perpetuity and victory as well as the seven notes of music, the seven colours of the rainbow, the seven alchemical metals and the seven days of the week. Seven is a lucky and mystical number traditionally associated with Venus. The mysterious Heptagram combined with Japanese cutting-edge technology and traditional craftsmanship is a perfect representation of 'New Fashion Tech,'" says Ochiai. Crossfor Co Ltd CEO Hidetaka Dobashi presented the Champion trophy to Ochiai's representative, Nobuyuki Horiuchi.

    The Merit recipients in the Dancing Stone category are Sanat Karmakar from Egypt, Ming Cheng Hsiao from Taiwan, Allison Ice from the USA and Wang Zi Ting from Mainland China.

    PGI’s Tai Wong, Platinum Merit recipients Chin Ban Loke, Liu Fu Wei, Stanley Ho representing Shi Xiao Yu, Champion Liang Fan, and judging panel chair Fei Liu

    The Platinum category, sponsored by Platinum Guild International (PGI), had participants produce entries reflecting the theme, "Platinum Attitude." Liang Fan of China emerged as Champion for his remarkable piece, Star Lingers. "Only when the sky gets darker can the brilliance of stars be seen and appreciated. Using a simple modern style with layers, my design ! alludes t o this beautiful starry concept to evoke a sense of peace and romance," he explains.

    Fan and Merit recipients Chin Ban Loke from Malaysia and Liu Fu Wei from Mainland China received their trophies from PGI Business Development Director Tai Wong. Merit recipients Meng Fan Hua and Shi Xiao Yu from Mainland China were unable to attend the ceremony.

    Champion Alessio Boschi (third from left) and Merit recipient Eugene YJ Chen (fourth from right)

    Sponsored by the Tahitian Pearl Association Hong Kong (TPAHK), the Tahitian Pearl category asked contestants to submit their design interpretation of the theme, "Asymmetric Perfection." TPAHK Honorary Life Founding President & Supervisor Chan Ming Wing and Co-Presidents Amy Yan and Johnny Cheng presented the trophies.

    Alessio Boschi from Italy was declared Champion for his exceptional "The Leonidas Man" set, an intricately adorned men's necklace inspired by Spartan warrior-king Leonidas. Boschi says, "The design is bold, daring and masculine yet full of intricate details. The real protagonists are the Tahitian pearls with their different shapes and mesmerising shades from dark silver to peacock nuances."

    Merit recipient Eugene YJ Chen from Taiwan attended the ceremony. Chen Hui Ci from Taiwan was represented by Katie Cheng of Man Sang Jewellery (Hong Kong) Ltd, while Rebecca Cheng of Rio Pearl accepted the trophies for Shahrzad Givi from Iran and Rozaliya Nicheva from Bulgaria.

    Informa Markets Director of Jewellery Fairs Celine Lau presented plaques of appreciation to the JNA Jewellery Design Competition 2018/19's three sponsors.

    Logo

    For more information, visit www.jnadesigncompetition.com

    Contact

    Olivia Quiniquini
    +852-2516-1630
    Olivia.Quiniquini@Informa.com

    Photo: https://mma.prnewswire.com/media/998665/JNA_Awards_01.jpg

    Photo: https://mma.prnewswire.com/media/998666/JNA_Awards_02.jpg

    Photo: https://mma.prnewswire.com/media/998667/JNA_Awards_03.jpg

    Logo: https://mma.prnewswire.com/media/998668/JNA_Awards_04.jpg

    ]]>
    Amatori Valorugby buona la prima, doppia vittoria su Rugby Parma e Borgo Poncarale Sat, 21 Sep 2019 20:31:55 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/sport/rugby/598568.html http://www.comunicati.net/comunicati/sport/rugby/598568.html Amatori Parma Rugby Amatori Parma Rugby Debutto positivo per l’Amatori Valorugby Emilia nel primo test stagionale con i ragazzi di Zanichelli e Manici che vincono il triangolare organizzato dalle Zebre Rugby battendo prima il Borgo Poncarale e nell’ultimo incontro di giornata i cugini della Rugby Parma.

    Nel primo match di giornata vittoria in rimonta del primo quindici che dopo aver chiuso il primo parziale sotto 7 a 5 con la meta di Braglia, nel secondo ribalta il risultato prima con una meta tecnica e poco dopo con la marcatura di Riccardo Corradi per il 17 a 14 finale sul Borgo Poncarale.

    Nell’ultima partita di giornata, con la Rugby Parma che prima aveva battuto 33 a 12 i bresciani, l’Amatori Valorugby supera i cugini gialloblu con il risultato di 12 a 7 grazie alle mete di Tolaini e Ciusa.

    Abbiamo affrontato il primo impegno della stagione con spirito positivo- Dichiara l’head coach Antonio Zanichelli - e abbiamo alcuni aspetti positivi del gioco in cui abbiamo fatto bene come le fasi statiche. Siamo ancora all’inizio della stagione con tanti aspetti su cui lavorare, mi ritengo soddisfatto dell’impegno che i ragazzi hanno messo in campo e siamo consapevoli che miglioreremo settimana dopo settimana.”

    ]]>
    Vitaldo Conte_ Crowley: Sesso, la Donna Scarlatta, Arte come Magia (Thelema A Cefalù)' su EreticaMente: Sat, 21 Sep 2019 16:43:14 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/arte/varie/598567.html http://www.comunicati.net/comunicati/arte/varie/598567.html FUTURGUERRA FUTURGUERRA  

    «Io, la Bestia 666, sono chiamato a rivelare questo culto e a propagarlo nel mondo. Mediante la mia Donna, chiamata la Donna Scarlatta, che è qualsiasi donna la quale riceva e trasmetta la mia Parola ed Essere Solare, si compie questa mia opera; in quanto senza donna l’uomo non ha potere» (A. Crowley)

    L’inglese Aleister Crowley (1875-1947) è noto in Italia soprattutto per gli aspetti della sua magia rossa, che praticò nell’Abbazia - la fantastica Thelema -, da lui edificata in Sicilia, a Cefalù dove approdò nel 1920.
    La Bestia, mago dall’incredibile forza magnetica, rivisita pratiche oscure dello yoga e dell’alchimia tantrica, dei culti misterici orientali che elabora per estensioni magico-spirituali.
    “Il sesso era diventato per lui il mezzo per raggiungere Dio” (Symonds).
    Nelle sue “congregazioni” Crowley si circonda di molte donne, che definisce Donne Scarlatte. La Donna Scarlatta, appartiene a un patrimonio iconografico complesso.

    Un’altra passione di Crowley è la pittura, verso cui è particolarmente predisposto, pur non avendo una specifica preparazione.

    È uscito il mio testo 'Crowley: Sesso, la Donna Scarlatta, Arte come Magia (Thelema A Cefalù)' su EreticaMente:

    Vitaldo Conte



     

    ]]>
    Racconti Brevi: Carlo Degli Andreasi , LE ALI DELLO SPIRITO Sat, 21 Sep 2019 16:37:49 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/arte/varie/598566.html http://www.comunicati.net/comunicati/arte/varie/598566.html FUTURGUERRA FUTURGUERRA

    Da: Carlo Degli Andreasi 
     

    LE ALI DELLO SPIRITO


    Andrei Libov aveva parlato con trasporto, liberato dall'impaccio di esprimersi grazie al buon bere, con lacrime di passione, poetando sugli eroi di Borodinò, aveva ammutolito il pubblico becero della stamberga illuminata da provvide e numerose candele di sago, ora assaporava la bellezza della morte gloriosa in battaglia, donando la vita per la grande madre Russia, pareva che un coro maschile, grave tenorile al contempo basso e baritonale, pregasse nella sua mente e nella mente degli avventori rimasti rapiti dalla sua bella declamazione.

    Aveva richiamato il suono dei cannoni che riecheggiavano nella piana della battaglia, il nitrito dei cavalli che emergieva dal tamburo vasto e potente del galoppare, le urla d'attacco dei francesi e quello glorioso dei figli di Russia...e il cielo era azzurro e divino nelle sue parole.

    Nel silenzo ammirato che ne seguì, un singhiozzo di risa, prima poco più che un sibilo, era esploso poi in una grassa e vasta risata proveniente da una zona in ombra dentro il locale, in coerenza con la voce, nella traccia di un lume tremulo, si era delineato un volto potente, la risata era scaturita da una bocca cavallina al di sotto di due lunghi mustacchi, un naso aquilino solcato da una ciccatrice e due occhi corvini, acuti, al riparo di folte sopracciglia poste al principio di una fronte, resa infinita dalla totale calvizie adorna di un solo lungo codino sulla nuca.

    L'uomo palesò la sua possanza nella divisa dei cosacchi.

    "Tu!" disse il vecchio guerriero

    "tu poetino moscovita" e rise ancora con fare beffardo

    "tu, bambolino da salotto, che parli dello spirito degli eroi, della patria, della guerra, che di certo non hai mai provato, parli come se scoreggiassi fesserie!"

    Aveva riso mentre con l'acutezza dello sguardo verificava l'effetto delle sue parole nell'uomo ben vestito e di modi borghesi, vistolo trasecolato e intimorito concluse

    "io a Borodinò c'ero con il mio meraviglioso Ivan, stallone nero dagli zoccoli pelosi, la mia fida sciabola la "buringa" le mie due precise pistole e "filia" il mio affilato pugnale"

    aveva bevuto da un boccale altro vino di patate

    "io a Borodinò ho visto lo "spirito", non grazie alla mia sciabola che faceva sgorgare del sangue qualunque dai petti e dalle gole dei francesi, l'ho visto dai corvi che avevano banchettato con i corpi dei russi e, non contenti degli occhi prelibati, avevano bevuto il sangue degli eroi...poi , gli uccellacci neri, erano tutti precipitati ebri al suolo e mentre il mio cavallo li calpertava ne veniva un forte odore di vodka da due copechi, la vodka che aveva dato il coraggio di morire ai figli di russia"

    impugnate le due pistole che portava in cintura le aveva scaricate sulle travi del soffitto della bettola.

    All'espressione livida del poeta aveva aggiunto

    "...lo spirito di Russia" 

    poi un'altra rimbobante risata da cosacco.


    INFO https://www.filomagazine.it/2019/03/leggi-il-primo-capitolo-di-la-tredicesima-musa-dello-scrittore-carlo-degli-andreasi/



     

    ]]>
    FESTIVAL DEL NUOVO RINASCIMENTO - Milano 2019 "L'EREDITA' DI LEONARDO DA VINCI" Sat, 21 Sep 2019 16:21:41 +0200 http://www.comunicati.net/comunicati/arte/varie/598565.html http://www.comunicati.net/comunicati/arte/varie/598565.html FUTURGUERRA FUTURGUERRA
    FESTIVAL DEL NUOVO RINASCIMENTO - Milano 2019
    "L'EREDITA' DI LEONARDO DA VINCI"
    Sabato 19 e domenica 20 ottobre al mattino, avremo gli splendidi CONVIVI LETTERARI con una selezione di Autori da tutt'Italia intervistati dalla nostra curatrice letteraria Stefania Romito, con la presenza di Pierfranco Bruni e Antonio La Gala.
    Arte, letteratura, poesia: la Bellezza in cui immergersi con fiducia e amore.

    - DAL 16 AL 24 OTTOBRE: MOSTRA INTERNAZIONALE
    - DAL 18 AL 20 OTTOBRE: LE TRE GIORNATE DI GALA TRA ARTE, MUSICA E CULTURA NEORINASCIMENTALE
    Palazzo Ex Fornace-MUMI Eco Museo
    Alzaia Naviglio Pavese 16 - Milano




    ]]>