15 January 2017

Self confidence in oversize clothes


Da quando vivo qui a Londra, ho notato che il mio stile cambia in maniera repentina; infatti mi sembra quasi a volte di personificare il dottor Jekyll o il signor Hyde, a seconda delle giornate.
Una costante fissa c'è ad ogni modo, ovvero l'acquisto spropositato di felpe con o senza cappuccio e di conseguenza il loro utilizzo pressoché quotidiano.

Ormai lo stile da "jogging" è davvero tanto di tendenza che non viene più catalogato nella fascia di abbigliamento da sport, tanto è vero che tutti ma davvero tutti i brand propongono questo capo in particolare, da mixare a quelli più impensabili, come una mini-skirt in pelle lucida e calze a rete, ad esempio.

L'outfit che vi propongo oggi (si ogni tanto va anche a me fare la "poser") è composto proprio da una felpa, stavolta oversize e rubata dal guardaroba del mio ragazzo, ad essa ho poi abbinato un paio di jeans sfrangiati sul fondo, una borsa capiente nella quale nascondere tutti i segreti che una donna porta con sè durante la propria giornata, una giacca in pelle con inserti in coniglio comprata compulsivamente in un negozio di vintage nella "posh area" di Notting Hill, l'onnipresente collarino che fa tanto anni 90' ed infine delle loafers tanto cool quanto inadatte ahimè per il freddo polare di Londra.

Qui dalla regia è tutto! 
Spero che l' outfit che propongo oggi vi piaccia.
A presto,
Faby  



TRANSLATION



Since I live here in London, I noticed that my style changes in a sudden; In fact, sometimes it seems almost to personify Dr. Jekyll or Mr. Hyde, depending on the mood.
A constant is however, that the purchase of sweatshirts with or without hood and consequently their almost daily use.

Now the style of "jogging" is very much the trend that is not more cataloged only in the sports apparel range, so much so that all but really all the brands offer this piece in particular, to mix with the most unthinkable items, like a mini shiny leather skirt and fishnet tights, for example.

The outfit that I propose today (sometimes I like to do the "poser") includes this trendy piece, oversized version and stoled from the wardrobe of my beloved boyfriend, to it, then I matched a pair of frayed jeans, a large bag in which to hide the secrets that a woman brings with her during the day, a leather jacket with rabbit inserts compulsively bought in a vintage shop in the "posh area" of Notting Hill, the ubiquitous collar with 90 allure and finally a pair of loafers so cool but unfortunately unsuitable for the bitter cold in London.

Here from the direction is all!
I hope the look that I propose today could like you.
See you soon,
Faby



Vintage leather jacket / Retro Woman Notting Hill

Fringed denim / Zara

Handbag / Cèline

Loafers / Gucci

Sweatshirt / Givenchy (stoled from my love)


19 December 2016

Spa day: more than a gift, an experience



Il Natale è ormai alle porte e con esso l'ansia d'acquisto degli ultimi regali per i propri amici, parenti e rispettivi fidanzati. 
Partendo dal presupposto che non bisogna mai aspettare le festività o ricorrenze per rendere felici le persone che amiamo (devo sempre esprimere la mia su ogni cosa :-P), mi piace pensare al regalo come non un qualcosa di materiale che si cede fisicamente nelle mani del destinatario,ma bensì come un esperienza la cui essenza viene custodita nel ricordo
Faccio questo preambolo filosofico per arrivare al dunque; ovvero alla giornata in Spa con trattamento a scelta e merenda a base di prosecco, tè e pasticcini delle cinque, che mi sono concessa in quel di Londra in compagnia della mia persona speciale, nonché destinatario della sorpresa. :-)

TRANSLATION

Christmas is almost ready to come us and with it the anxiety of the last buying gifts for  friends, relatives and girl/boyfriends.
Assuming that people should never wait for holidays or special occasions to make happy people that they love (I always have to express my opinion on everything :-P), I like to think about the gift as something not really material that we give physically in the hands of the recipient, but rather than as an experience which essence is kept in the memory.
I do this philosophical preamble to get to the point;  the day at the Spa with treatment of my choice and snack of Prosecco, tea and pastries at the five pm here in London with my special person, as well as the recipient of the surprise. :-)





Diciamo che la mia esperienza può essere presa come spunto per un idea regalo, per nulla banale e sicuramente gradita.
Io ho scelto il pacchetto "Spa afternoon escape", disponibile presso la Spa Verta situata all'interno del Crowne Plaza London.
Devo dire che ne sono rimasta davvero soddisfatta e sono certa che se fate una ricerca accurata nella vostra zona di domicilio non mancherà di certo un qualcosa di simile per regalare qualche ora di benessere al fortunato destinatario.

TRANSLATION


Let's say that my experience can be taken as an idea for a gift, not at all trivial and certainly welcome.
I chose the "Spa package afternoon escape", available at the Spa Verta located inside the Crowne Plaza London.
I must say that I was really satisfied and I am sure that if you do a research thorough your area of ​​residence will find certainly something similar to give a few hours of well-being to the lucky recipient.



Tra massaggio della nuca, spalle e schiena, della durata di mezz'ora, accesso alla Spa con relativa sauna, bagno turco, piscina con idromassaggio, lettini incandescenti e docce emozionali (così credo che le chiamino) e dolce finale tra bollicine e specialità gastronomiche britanniche siamo usciti da lì davvero rigenerati, pronti per riimmergersi nella caotica vita londinese quotidiana.





TRANSLATION

Among the neck, shoulder and back massage of  half-hour, access to the spa with its sauna, turkish bath, swimming pool with Jacuzzi, hot showers and beds and sweet ends between bubbles and British gourment we went out from there really regenerated, ready for to get in the busy everyday of London's life.




10 December 2016

Point and head.


Avete presente quelle scene dei film, nei quali in genere il protagonista principale, di punto in bianco, sceglie di raggruppare tutti i suoi averi e di andar via per dare una svolta alla propria vita senza avere esattamente ben chiaro il punto di arrivo finale?
Ecco, mi piace pensare me stessa cosi, come una di quelle protagoniste dei film d'avventura, magari a bordo di una di quelle auto americane senza tettuccio e con il vento che ti scompiglia i capelli.
Aperta e chiusa parentesi su come mi piace vedere me stessa in versione cinematografica, sono qui, dopo circa due mesi,  che riesco finalmente a ritagliarmi un po di tempo per scrivere sul mio blog, ormai iniziato nel lontanissimo 2010 e che tra impegni e imprevisti vari della vita rimane per me sempre il mio piccolo gioiellino e se vogliamo "valvola di sfogo", alla quale rimarrò sempre affezionata.
Cosa è successo in questo lasso di tempo che sono sparita? 
Non sto qui adesso a farvi un monologo esistenziale sulla mia vita, basta dirvi che ho preso una decisione abbastanza impulsiva di lasciare la mia amata città adottiva, Milano, per trasferirmi ancora più a Nord ed ancora più lontana da quella che rimane la mia casa di origine, Napoli. 
Seduta davanti al mio pc, con una tazza bollente di caffè americano, (chi l'avrebbe mai detto da buona napoletana quale sono?) in quel di Londra ad intraprendere un nuovo percorso di vita o semplicemente chiamiamola nuova esperienza. Il perché, lo lascio ai posteri, ma per chi mi conosce abbastanza bene, credo di essere stata geneticamente predisposta all'arte del nomadismo... si può dire così? Chissà!
Non vi nascondo che la mancanza dell'Italia si fa sentire, sopratutto adesso che si avvicina il Natale, però, è anche vero, che Londra è una città meravigliosa, nonostante il suo clima odioso (si, questo lo dovevo dire)! 
Seppur molto spesso questa città, dal cielo quasi perennemente grigio, dalla alta percentuale di multi-etnicità e dai costi davvero altissimi per ogni; ti risucchia nel suo vortice frenetico, è allo stesso tempo molto amata per le tante varianti e opportunità che ti concede a sua volta. Diciamo che come ogni luogo ha i suoi contro ed i suoi pro ed è proprio per questo, che la promessa, che faccio a me stessa oggi, è quella di condividere in futuro, come ho fatto fin'ora mentre ero a Milano, in maniera più assidua, con voi amici "virtuali", questa mia esperienza londinese e chissà che magari non possa essere presa come "ispirazione" per chi desidera trascorrere una vacanza o una parte della propria vita qui nella capitale della Gran Bretagna.
A prestissimo e buon weekend,
Faby

05 October 2016

MFW day 5: Dsquared2 fashion show


La settimana della moda si conclude per me così, con la sfilata di Dsquared2.



Un video pubblicato da Fabiana Ricciardi (@fabiana_ricciardi) in data:


Per questa collezione primavera/estate 2017, i gemelli Caten, riportano in auge il glamour dei favolosi anni 80 e lo reinterpretano con lo spirito iconoclasta che da sempre li contraddistingue: il classico jeans diventa over e viene tempestato di cristalli e si porta con le t-shirt dalle maniche baloon, e giacche mini d'ispirazione militare, i tubini animalier sono incrostati di jais, la camicia in denim trattata si indossa con ridottissime minigonne ricche di maxi fiocchi e la marsina si trasforma in minidress seducente.
I colori utilizzati sono forti ed irriverenti come un pò la collezione stessa: vedi ad esempio il verde acido, l'oro o il rosa accostati ai classici bianco e nero.
Tra gli accessori Dsquared2 non mancano stivaletti open-toe con maxi fiocchi, grandi orecchini e slingback.

03 October 2016

MFW day 5: Rocco Barocco fashion show



Un video pubblicato da Fabiana Ricciardi (@fabiana_ricciardi) in data:


La sfilata di Rocco Barocco è un tributo a Saffo, poetessa greca musa della collezione. 
Il designer, ispirato da un affresco di Saffo visto durante un viaggio a Pompei, sceglie di raccontare un concetto di moda dalla bellezza senza tempo sostanziata da profondità, riflessività e poesia.
La silhouette scandisce eleganza e raffinatezza lussuosa. Gli abiti in raso, georgette e jersey laminato, sono essenziali e luminosi. Su gonne e pantaloni dai grandi spacchi appaiono plissettature a sorpresa. I cappottini slim e caban sono arricchiti invece da tessuti damascati.
Per lo stilista la seduzione stessa risiede in una ritrovata essenzialità, ornata da ricami e decorazioni che evocano la costruzione dei mosaici pompeiani, interpretati in preziosi tasselli in pelle.
La palette cromatica è caratterizzata per lo più da tonalità pastello quali rosa, giallo, verde, turchese per poi passare all'audacia dell'argento e dell'oro  e per concludere infine con i classici bianco e nero.

MFW day 5: Alberto Zambelli fashion show






Un video pubblicato da Fabiana Ricciardi (@fabiana_ricciardi) in data:


Quinto ed ultimo giorno per me della settimana della moda è iniziato con la sfilata di Alberto Zambelli, che ci conduce nel giardino anglo-cinese di Maria Antonietta in un randevous a Versailles.
Una rilettura della sovrana in un percorso in cui musica, teatro, paesaggio divengono un universo femminile, personale ed intimo in una visione pseudo bucolica.
Le stampe "botanic sensual" accarezzano il corpo, mentre righe bianche e nere creano nuovi grafismi in silhouette over e verticali. Alamari decorativi adornano trench coat e bomber jacket; mentre la maglieria iper lineare incontra la trasparenza di fil coupè. Tecno chiffon e tulle vengono adottati da corsetteria e nastrature che ben si sposano con popeline neri ed abiti grembiule origami. Infine pettorine impreziosite di perle e cristalli creano eleganti e giocosi decolleté e diventano macro-puzzle in sovrapposizioni inusuali. Tra gli accessori,particolare focus viene dato a "carbon look",ovvero una capsule collection di piccola valigeria in carbonioe pelle composta da pochette, 24 ore, zaino e trolley.

MFW day 3: Atsushi Nakashima fashion show



Un video pubblicato da Fabiana Ricciardi (@fabiana_ricciardi) in data:


L'ultima sfilata della terza giornata della settimana della moda è stata quella dello stilista giapponese Atsushi Nakashima, vincitore del concorso internazionale DHL Exported e svoltasi a Palazzo Reale e che prende come tema della propria collezione quella della trasformazione.
DHL Exported è un progetto che nasce nel 2014 dalle competenze di IMG Fashion ed è un iniziativa che consente ai quattro vincitori finali di accrescere la propria notorietà e visibilità all'estero, grazie alla possibilità di sfilare per due stagioni consecutive in una delle quattro piazze più importanti nel mondo della moda: New York, Milano, Londra, Tokyo.
I designer sono inseriti nei calendari ufficiali delle manifestazioni e ricevono finanziamento completo di due sfilate, dalla produzione al trasporto delle collezioni.

30 September 2016

MFW day 3: Bea Bongiasca presentation


Durante la terza giornata di fashion week ho potuto fare un salto al Tearose,un grazioso posticino a Milano per la presentazione della collezione "Floricultural" della giovane designer Bea Bongiasca.
Classe 1990, Bea Bongiasca, designer italiana laureata in Jewellery Design alla Central Saint Martins di Londra, ha fondato il suo marchio prendendo ispirazione dall'Asia. 
In particolare per questa collezione la designer si è ispirata al linguaggio giapponese segreto dei fiori (Hanakotoba), secondo cui il giglio tigrato indica prosperità, l'heliconia unicità e il caprifoglio legami d'amore.
La linea è composta da zaffiri colorati, diamanti champagne, ametiste e cristalli di rocca, pietre taglio marquise e incastonature a pavè combinate a oro giallo e rosa. Audaci sono le combinazioni di colori come il fucsia, l'arancio, il blu ed il verde.










MFW day 3: Uma Wang fashion show

Un video pubblicato da Fabiana Ricciardi (@fabiana_ricciardi) in data:


Il terzo giorno di fashion week milanese ha avuto inizio con la sfilata di Uma Wang all'interno del bellissimo Palazzo Reale in Duomo a Milano. 
La collezione primavera/estate 2017 s'ispira al deserto e alla ricerca di civiltà passate. Per la prima volta, infatti, nella storia del brand appaiono stampe sui tessuti che ritraggono foto di vita quotidiana dei villaggi del Nord Africa, scattate dalla designer stessa durante i suoi viaggi. L'asprezza del deserto viene ammorbidita da elementi femminili e delicati come le forme fluttuanti degli abiti e  trasparenze.
La palette cromatica  utilizzata è anch'essa delicata, composta da tonalità come il bianco, il blu indaco ed il beige.

Di seguito, alcuni look che ho maggiormente apprezzato di questa collezione.

29 September 2016

MFW day 3: black & white always right



Se c'è una cosa che so di per certo è che non conosco sfumature, mi piacciono i colori quelli decisi che non lasciano trapelare incertezza. Per questo quasi quotidianamente nei miei look il nero o il bianco non mancano mai; meglio ancora se questi fanno coppia tra loro. Questo è il look che ho utilizzato per la terza giornata di fashion week, perché diciamoci la verità, la semplicità premia sempre! Se vogliamo è una sorta di "evergreen". 
Un pò come citare una Chanel 2.55. Ci siamo capiti, no?
Quindi metti una gonna (finta pelle eh) dal taglio asimmetrico frontale, una semplicissima felpa bianca dalla scritta un o presuntuosa, un paio di stivaletti glitterati che danno un pizzico di rock ed una maxi bag.
Ciao, sono pronta. Usciamo? :-P
A prestissimo!!!
xoxo
Faby







Skirt- H&M

Booties - Zara

Sweater - Zara

Bag - Cèline

MFW day 2: Santoni presentation




La collezione Santoni p/e 17 del brand Santoni è preziosa e si concretizza attraverso creazioni opulente e sfolgoranti che celebrano la seduzione del metissage. 
Tutta la collezione, dalla lavorazione certosina ai colori, s'ispira alle atmosfere di Marrakech.
Infatti alti sandali in suede e slipper piatte in camoscio presentano fitti ricami di perline; mentre sulle maxi zeppe di sandali incrociati abbiamo intrecci mignon di geometrie esotiche; gli stivaletti sono impreziositi da sequenze multicolor di pitone ed ancora pump e francesine sono decorate da intagli moreschi e ricami di borchie dal sapore esotico.
Per concludere, la palette cromatica abbraccia nuances diverse tra il verde, ambra, ultraviolet, aragosta che ben si accostano a materiali preziosi quali pitone, suede e vitello.


MFW day 2: Casadei presentation



Ritorna l'essenza degli anni Ottanta per la prossima collezione primavera/estate 2017 di Casadei.
Libertà. Colore. Azzardo. Il teatro della moda anni Ottanta si attualizza ai piedi delle donne.
I tacchi "blade" diventano techno unendosi in un unica struttura specchiata che raggiunge il tallone. 
Fiocchi verde brasile, giallo canarino, azzurro petrolio e fuxia candy illuminano le gambe. 
La pelle è metallizzata grazie ad un lavoro manuale di ritaglio e cucitura che va a comporre sandali e platform. 
La catena-logo Casadei si arrampica in forma di maglia nera e oro sulla gamba quasi come fosse un tatuaggio.
La palette cromatica utilizzata per questa collezione è delle più neutre possibili e presenta mille sfumature tra polvere, sabbia, deserto e terra.
Infine ma non meno importante è il debutto della linea di gioielli Casadei, realizzata con la designer Ilenia Corti. La collezione ritrae un'Amazzonia iper realista e dettagliata. Un baccanale di flora e fauna: orchidee, rane, scimmie rampicanti e piante carnivore.
Quest'ultima linea si compone di collane, anelli, orecchini più un bracciale custom made. Le calzature che si abbinano ai gioielli o che diventano esse stesse gioiello.

MFW day 2: Fratelli Rossetti presentation


Fratelli Rossetti prende ispirazione da un paradiso immaginario: un rigoglioso giardino con colori vivaci e altalene sospese, dove la leggerezza ha un ruolo da protagonista.
La collezione primavera-estate 2017 presenta tre modelli, tutti con con dettagli indicativi di alto artigianato e rappresentativi del marchio, come nappe e le tecniche di tessuti.

Fratelli Rossetti ha rinnovato l'iconico mocassino Brera per la nuova stagione, che presenta la sua versione più leggera e affusolata Beach. 

Nubuck è il tipo di pellame scelto per questa collezione. Di prima qualità simile al velluto, morbida al tatto e piacevole per gli occhi, donano  alla scarpa un'aria ancor più sofisticata. I colori sono dinamici e luminosi: giallo, verde smeraldo, turchese, blu cobalto e rosso scarlatto, con un effetto lucido e cangiante, perfetto per l'estate.

MFW day 2: Cristiano Burani fashion show

Un video pubblicato da Fabiana Ricciardi (@fabiana_ricciardi) in data:

La primavera/estate 2017 del brand Cristiano Burani celebra un attitudine metropolitana e casual per capi quotidiani dall'allure sportivo. Le nuances sono energetiche e solari, accostate in righe geometriche e plissettature architettoniche. L'accostamento dei materiali è eterogeneo con dettagli gym in volumi over. E' il nuovo "lusso understated" che mescola materiali preziosi, alta tecnologia e lavorazioni manuali.
La palette cromatica spazia dall'azzurro polveroso al giallo lime, dal rosso, verde, fuxia, arancio in righe optical fino ai classici bianco e nero.
Tra gli accessori: high boots al ginocchio con allacciatura trekking, sabot e ankle boots in ciniglia con maxi suola creeper ed infine mini e maxi bag in pelle delavè con inserti multicolor.


Di seguito alcuni look preferiti.

MFW day 2: Luisa Beccaria fashion show


Un video pubblicato da Fabiana Ricciardi (@fabiana_ricciardi) in data:



Come prima sfilata della seconda giornata della settimana della moda milanese è stata quella di Luisa Beccaria, che fa sognare ogni volta con il suo ideale di femminilità deciso e fluido come una ninfa contemporanea.
A sfilare in passerella sono tessuti in lino effetto denim con ricami a filo di intricate figure floreali; il cotone si accosta al lurex disegnando un sottile sangallo. Di fianco ad abiti svasati d'ispirazione Seventies; crop top e pantaloni palazzo. Ancora bluse ed abiti leggeri da stampe con motivi dei ricami, gonne in organza asimmetrica e tuniche ricamate con fiori d'allium. 
Le lunghezze sono mini e midi sino al maxi. I tagli sbiechi delle gonne e degli abiti si evolvono in ampie maniche a mantella, elemento iconico per la stagione 2017.
La palette cromatica attraversa le diverse gradazioni dell'acqua: azzurro, verde acqua, turchese, punteggiati dai bianchi o dai rosa dei fiori, come su una tela di Monet.

Di seguito alcune immagini scattate da me durante la sfilata.

27 September 2016

MFW day 2: An Asymmetric skirt and a camo jacket


Per il secondo giorno della settimana della moda milanese ho scelto di indossare una gonna dal taglio asimmetrico in color grigio piombo, una t-shirt basica bianca, un paio di stivaletti glitterati neri ed infine una giacca camouflage vintage, acquistata di recente e già diventata mia fedele amica.
Questo è il genere di stile che preferisco di più e con il quale mi sento assolutamente a mio agio, per cui spero possa piacere anche a voi.
A presto,
Fabiana












Asymmetric skirt - Zara

White t-shirt - Zara

Boots - Zara

Vintage camo jacket 


MFW day 1: Philipp Plein - the Party


Un video pubblicato da Fabiana Ricciardi (@fabiana_ricciardi) in data:


Come ogni anno, c'è stata l'attesissima sfilata con relativo party del brand Philipp Plein
Per quest'anno il tema è stato "Ghettoland", una città dai colori pastello in cui tutti sognano in grande e le fantasie diventano realtà. A fare da contorno, fenicotteri rosa, funghi magici, camion gelato e una giostra gigante.
Ospite dello spettacolo più atteso della "fashion week" è stata la regina dell' hip hop Fergie affiancata dal rapper Fat Joe, uniti per celebrare la primavera / estate 2017, insieme anche alla presenza di Paris Hilton.
Alice nel Ghettoland è il più grande e più ambizioso spettacolo mai tentato durante la Milano Fashion Week; poichè è anche l'ultima volta che il designer Philipp Plein presenterà una collezione a Milano. A partire dalla prossima stagione, il marchio globale metterà in scena le sue stravaganze esplosive a New York!






(Video by me / Photo credit PhilippPlein )

MFW day 1: Kristina Ti fashion show



Un video pubblicato da Fabiana Ricciardi (@fabiana_ricciardi) in data:





La seconda sfilata della giornata è stata per me quella di Kristina Ti, la cui donna si distingue da sempre per il suo allure etereo. La collezione primavera/estate 2017 è caratterizzata da volumi e forme inesatti, sovrapposizioni di superfici materiche, reti e ampi volumi.
Il diktat è di fatti concentrato sulla Matericità e Movimento
La maglieria è lavorata a mano con bassorilievi floreali; i pantaloni sono realizzati da sovrapposizioni di balze di pizzo. Il neoprene è laserato  e floreale, mentre le frange arricchiscono abiti e top. Lo chiffon, infine, è lavorato in modo tale da assumere le sembianze di una spugna per top e shorts.
In anteprima assoluta i nuovi occhiali da sole firmati Kristina Ti x VANNI, che sanciscono il connubio tra fashion e design. 
Per concludere, la palette cromatica va di pari passo con i colori della terra e del mare; dai blu ai corallo, e dal crema al bronzo.

Di seguito, i look che ho preferito durante il defilé.

MFW day 1: A floral dress with a pair of cuissard


Per il mio primo giorno di "fashion week" ho deciso di indossare un semplicissimo abito con fondo bordeaux e fantasia floreale con allacciatura frontale che dà un pò l'idea di quegli abiti un pò svolazzati e dallo stile bohemian. Ad esso ho accostato, a contrasto, una giacca in denim over (una delle mie preferite) con effetto tye-and-dye ed infine stivali cuissard, che vi avevo gia mostrato in questo post precedente e che vi assicuro, per quanto siano fighi sono anche super comodi. Grazie Zara, sei sempre un mito. :-)
Che ne dite del risultato?
A presto,
Fabiana




Floral dress - Stradivarius

Cuissard - Zara

Denim jacket - Asos

MFW day 1: Grinko fashion show

Un video pubblicato da Fabiana Ricciardi (@fabiana_ricciardi) in data:



La prima sfilata che ha dato inizio alla mia settimana della moda qui a Milano, è stata quella del brand Grinko, tenutasi all'interno della cornice dei Chiostri di San Barnaba.
Hard-core Revolution è la parola chiave della nuova collezione Grinko SS2017. 
Una linea fatta di rivisitazioni, riletture ed accostamenti inediti.

Rouches e passamanerie tye-and-dye dallo stile country appaiono su giacche di impronta denim streetwear. Pantaloni tuta da abbinare a top super fit si affiancano ad abiti iper-femminili in jacquard.
Fibre naturali quali cotone, seta e lino vengono accostati a tessuti quali viscosa e a materiali tecnici. Anche gli accessori riflettono questa attitude: marsupi multifunzionali si accostano a borse in pelle con frange removibili tye-and-dye. Elemento iconico di questa collezione è una coccinella "underground", realizzata dalla graphic artist Irina Matyuschenko. 
La palette cromatica utilizzata è delicata e presenta tonalità quali viola, blu, indaco, pistacchio oltre ai classici bianco e nero. 

Di seguito, alcuni look che mi sono piaciuti di più di questa sfilata.

26 September 2016

Exotic Jeans by Desigual - quando i dettagli fanno la differenza


Buon lunedì ragazzi!
Prima di iniziare a parlarvi della settimana della moda appena terminata qui a Milano, ci tenevo a mostrarvi uno dei look che ho utilizzato durante il quinto giorno di "fashion week", caratterizzato dal mio amato ed onnipresente denim, visto stavolta in chiave esotica e firmato Desigual. Il brand in questione, infatti, ha lanciato una linea che prende proprio il nome di #ExoticJeans, ovvero capi d'abbigliamento rigorosamente in denim con l'aggiunta di dettagli esotici, che rappresentano pienamente l'essenza e l'energia di Desigual.
Ho deciso di abbinare il capo protagonista del look che vi mostro oggi, ovvero il parka lungo in denim con ricami, ad una camicia sempre in tessuto jeans caratterizzata dall'applicazione in paillettes sulla spalla, una gonna in velluto a costine con abbottonatura frontale in bordeaux ed un paio di cruissard, aventi effetto corsetto sul retro in un versatile color miele. 
Un look partico ma allo stesso tempo di tendenza ideale per una giornata in giro per la città.
Vi lascio alle foto scattate ieri in una giornata soleggiata e ricca di appuntamenti, proprio alle spalle del Duomo di Milano.
A prestissimo,
Fabiana

23 September 2016

Yasmin e Amber Le Bon protagoniste della nuova campagna Sisley per l’AI 2016


Lo scorso 6 Settembre 2016 ho avuto il piacere di partecipare ad un evento, tenutosi all'interno dello store Sisley in Piazza San Babila a Milano per celebrare, tra una chiacchiera ed un drink, la nuova campagna pubblicitaria Sisley che vede come nuove testimonial Amber Le Bon assieme alla madre Yasmin.
La nuova campagna Sisley per l’AI 2016, che porta la firma del regista e fotografo Francesco Carrozzini, racconta una storia di complicità assoluta: quella tra una madre e una figlia cresciute tra moda e musica. 
Una è Yasmin Parvaneh, nota anche come Yasmin Le Bon, modella-musa amata dai più grandi stilisti, first lady delle copertine (ha iniziato a fine anni ’80 e non si è più fermata), fisico atletico, una bellezza esotica e tuttora contemporanea. L’altra è sua figlia Amber, 27 anni, modella e it girl, una giovane e ricercata bellezza del nuovo millennio, ha una passione per arte, musica – è anche una dj - e fotografia.
Naturalmente c’è anche lo zampino “genetico” di papà Simon Le Bon, il leader dell’iconica pop band dei Duran Duran, uno che di stile, mood unconventional, vita rock and roll e belle donne se ne intende.
Yasmin e Amber sono il ritratto delle donne contemporanee, fluide, che dell’età hanno un concetto relativo e sempre più individuale. Sono forti e romantiche. Sexy e indipendenti. Ricche di fascino e urban: sono davvero il simbolo della femminilità di Sisley. 
Entrambe possiedono, insomma, il “Sisley factor”, sono naturalmente affascinanti, cool e senza età, la loro allure non ha confini. Si chiama attitude. 

Di seguito, le immagini delle interpreti “live” del Sisley style durante il mega evento tenutosi il 6 settembre.